37° FESTIVAL ORIENTE OCCIDENTE

Strade, teatri, piazze e fontane diventano parte di una coreografia emozionante danzata dal ballerino “di casa” Giacomo Todeschi, protagonista di un video che invita a scoprire Rovereto e dintorni durante Oriente Occidente (30 agosto-10 settembre).

Un’occasione per conoscere la città della danza, dei linguaggi contemporanei, dei musei internazionali attraverso le convenzioni, i pacchetti e le proposte a disposizione dei visitatori. Rovereto, 25 agosto 2017_ Ironico, inatteso, in felice equilibrio sul filo dell’improvvisazione: così il talentuoso ballerino roveretano doc Giacomo Todeschi interpreta e trasfigura il volto della sua città. Attraversa leggero piazze e strade come una brezza irriverente, entra in dialogo con l’ambiente urbano. Il suo video “Dancing in Rovereto”, lanciato dal Festival Oriente Occidente, è più di un biglietto da visita: è un invito, quasi una sfida da raccogliere. Scoprire Rovereto e i suoi tesori culturali e architettonici, esplorarla attraverso la lente colorata di uno dei festival più rappresentativi dedicati alla danza e la performance. Magari cogliendo l’opportunità offerta dalle proposte e dai pacchetti dedicati. Nel video fanno capolino i luoghi più significativi della città, dalla Casa d’Arte Futurista Depero al Museo storico Italiano della Guerra, dal Mart, con la sua cupola trasparente, ai locali e negozi del centro, alla fontana di Piazza Rosmini, a Piazza delle Erbe, e infine al Teatro Zandonai. Qui il 1° settembre il giovane ballerino si esibirà con la compagnia, la Spellbound Contemporary Ballet, nello spettacolo PA|ETHOS, coreografato dal tibetano Sang Jijia. “Come un passante un po’ folle – racconta Giacomo – mi sono lasciato ispirare dai volumi, dalle architetture e dalle situazioni, entrando in sintonia con la città, anche grazie all’immediata intesa con la videomaker Camilla Spagni. A partire dalla location e da un abbozzo di sceneggiatura ho improvvisato ogni singolo movimento”.

Molte di queste location open air saranno al centro di Oriente Occidente, un festival che non si limita ai luoghi della cultura ufficiale ma invade piazze e strade di Rovereto, tra centro storico e aree soggette a riqualificazione urbanistica, come l’antica Manifattura Tabacchi. Tutta la città vibra di energia, raccoglie e moltiplica l’ispirazione di artisti provenienti da tutto il mondo. Il viaggio di Oriente Occidente alla scoperta dei nuovi linguaggi contemporanei è un invito a conoscere la dimensione culturale della città e ad esplorare la Vallagarina, con i suoi percorsi naturali, culturali ed enogastronomici. Vicina a Trento e al Lago di Garda, Rovereto stupisce con i suoi musei internazionali e un centro storico dove i tratti medievali e settecenteschi si mescolano alle atmosfere veneziane e alle memorie della Prima Guerra Mondiale.

Card e proposte

Per immergersi in questa vivace realtà si può acquistare la Card Oriente Occidente Emozioni. Una tessera che offre riduzioni del 30% sugli spettacoli in teatro – e ancora maggiori per i giovani under 26 -,  sconti del 10 % sugli stage del CID Centro Internazionale della Danza, servizi, consumazioni e ingressi a tariffa agevolata. I possessori della Card Oriente Occidente Emozioni hanno inoltre l’opportunità nei giorni del Festival di pernottare a Rovereto e dintorni, assaporare i piatti tipici della tradizione presso strutture ricettive, bar, ristoranti e produttori convenzionati e di effettuare acquisti nei negozi di Rovereto con uno speciale sconto del 10%, grazie alla collaborazione con il Consorzio Rovereto InCentro e l’Azienda per il Turismo Rovereto e Vallagarina. L’Azienda per il Turismo (APT Rovereto e Vallagarina) organizza inoltre pacchetti  e idee vacanza che comprendono soggiorno, colazione, degustazioni enologiche e l’ingresso ai musei cittadini, oltre alla Guest Card Trentino, da utilizzare per scoprire la provincia.

Carmela Bove © Copyright Backstage Press. All Rights Reserved

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.