BABILONIA E’ IL NUOVO SINGOLO DEL COLLETTIVO DUB ALL SENSE

Das BRO1ANTICIPA l’album “bro” COPRODOTTO CON la 4Weed Records IN USCITA IL  27 NOVEMBRE. “Babilonia” è un brano dedicato a chi ha lottato per un mondo migliore e non c’è più: per la particolare occasione intervengono Zulù dei 99 Posse e Treble, ex voce e fondatore dei Sud Sound System

Il pezzo nasce dal’ esigenza di realizzare un “manifesto“ sociale nel quale si guarda ad un passato romantico e ribelle dove l’identità e la dignità erano un pilastro fondamentale di ogni uomo e di ogni donna che guardavano ad un altro mondo possibile riflettendo oggi invece su come “Babilonia“ abbia preso il controllo sulla vita di ognuno di noi, facendoci dimenticare i motivi per il quale volevamo un mondo diverso da quello in cui viviamo oggi!

Artisti che non parlano più di realtà, ragazzi che inseguono false promesse politiche, obiettivi che mirano a crescere il proprio profitto ignorando completamente tutto ciò che accade intorno… non è questo il mondo che vogliamo!

“BRO” è un disco caratterizzato da numerosi ospiti e vanta la collaborazione di un’eccellenza della produzione dub mondiale, Neil Perch (Zion Train), che ha curato mix e mastering. Il sound è curato da Dubline, produttore e fondatore del progetto DAS.

L’album si compone di 12 tracce ed è arricchito da numerosi featuring da ogni angolo del mondo: da Los Angeles alla Grecia, dal Messico all’Inghilterra fino ovviamente all’Italia.

Gli ospiti di “BRO” sono: Mr.Williamz, Speng Bond, Marina P,  Zulù (99Posse), Treble Lu Professore, Luca (Polina), MrDill Lion Warriah, Mc Baco, Fikir Amlak, Fleck, Virtus & JanahDan, TadeoMan.

Il disco è stilisticamente vario e abbraccia molte sfumature della bass music. Impregnato del background dub/reggae con elementi mediterranei dei Dub All Sense, “BRO” è caratterizzato da variazioni sul tema improvvise e spesso sperimentali, come Uk stepper, digital rubadub, echi profondi e ricercate strutture in chiave EDM, ipnotici ritmi dubstep, trip hop, sfacciata jungle.

“BRO” è un gergo della subcultura di questo secolo, forma abbreviata della parola ‘brother’, fratello.  L’universalità di questa sillaba, esaustiva nel suo stesso essere, è una forma di connessione immediata, di superamento di ogni barriera, di provenienza, colore o razza.

“BRO” è inclusivo, è un farne parte, un accogliere, un miscelare esperienze, attimi, passioni. Questo album prende forma nella commistione di talenti, idee creative e generi in un melting pot musicale figlio legittimo dell’era in cui viviamo; un mix sapiente di tradizione e innovazione che non preclude alcun percorso, ma che tende ad accoglierlo in sè per rivelare una sola ed unica anima.

Da sempre per il collettivo DAS la musica è mezzo di cambiamento e di rivoluzione culturale ed è per questo che in “BRO” c’è ampio spazio per liriche incentrate su scottanti temi sociali cosi come è consistente il numero di tracce nate per far ballare l’ascoltatore dal vivo. Questo lavoro può considerarsi un punto di arrivo e contemporaneamente di partenza, un album maturo che guarda alla cultura dei sound system con rispetto, con più di una produzione con quel particolare “taglio”.

La copertina di “BRO” è stata disegnata dal writer Carmine Foschino aka Korvo, la grafica è stata affidata al talento di Luca Tramma.

Il disco uscirà per l’etichetta 4Weed Records e sarà supportato da RedGoldGreen di Roma e l’ufficio stampa L’Altoparlante di Milano.

BIO

Lo scenario è quello di un periodo storico segnato da forti tensioni sociali, dal fermento creativo, dall’innovazione in ambito musicale che segna il progressivo affermarsi dell’elettronica, scomposta in varie forme e differenti generi.

Nel 2008 il collettivo Dub All Sense nasce da un’idea di Luigi ‘Dubline‘ Telese, producer e ideologo del progetto. Il suo background artistico si compone della partecipazione come dubmaster per la band La’brosTer e dj per i sound Sativa Dub Station e Mystical Powa.

Un humus che si amalgama incredibilmente con le influenze sonore di Dubline. Zion Train in primis, prepotentemente rivoluzionari, inventori di genere, energici; ma anche Asian Dub Foundation, Almamegretta (D-Rad), Massive Attack e l’inafferrabilità dei loro suoni, la loro difficile collocazione in un preciso genere musicale, un’anima mediterranea marcata e una ricerca musicale continua.

Il primo lavoro discografico prende il nome di ‘Follow the Lion‘. Pubblicato nel 2009, il disco vede la partecipazione di Madaski (Africa Unite, Dub Sync) e Paolo Baldini (Alambic Conspiracy, BR Stylers) alla produzione artistica. Collaborano nomi come il batterista Alex Soresini (Africa Unite, Alborosie, Reggae National Tickets) e il rapper Clementino. Partecipa in maniera incisiva alla produzione il percussionista Enzo ‘JamOne‘ Daddio, che entra attivamente nel collettivo DAS. L’album riscuote un ottimo riscontro nazionale ed internazionale, le sonorità calde e la dimensione analog/digital viene percepita nel modo giusto da critica e pubblico. Neil Perch, fondatore degli Zion Train e della label Deep Root, decide di pubblicare su vinile 7pollici il singolo ‘Afrika‘, cimentadosi in un remix della traccia che ne valorizza esponenzialmente il già ricco potenziale.

Questo primo contatto e il feeling nato dai due produttori nelle numerose volte in cui si incontrano live, pone le basi per una collaborazione duratura. Infatti il 2011 è l’anno di ‘Goodbye Riot‘, prodotto da Dub All Sense con la supervisione di Neil Perch, che ne cura il mix e il mastering. La crescita artistica del collettivo DAS è netta e progressiva, le tracce sono più mature e personali, arrangiante e composte interamente da Dubline. Arricchiscono questa nuova produzione voci nazionali ed internazionali del panorama dub/reggae. Marina P, Fitta Warri, MrDill Lion Warriah, Longfingah, Mc Baco, Sista Kinky, sono solo alcuni dei nomi che rendono ‘Goodbye Riot‘ un album ricco di tematiche e di sonorità innovative che immergono l’ascoltatore in un mondo, un ambiente avvolgente, a tratti futuristico. Come successo per ‘Follow the Lion‘, anche in questo caso Neil Perch estrae un singolo ‘Collieman‘ e lo produce su 7pollici per la sua etichetta Deep Root. La copertina dell’album è finemente curata dall’artista Alice Pasquini. ‘Goodbye Riotrivive una seconda volta nel remix ep ‘Fear and Loathing from Dub‘. L’ep esce nel 2013 per l’etichetta 4Weed Records, con cui Dub All Sense stringerà una stretta collaborazione, e vede ai remix produttori come Mystical Powa, Insintesi, Dziga, I.N.D. e No Finger Nails. L’ep è impreziosito da un inedito con la singer Janis.

Il 2014 è un anno importante per il collettivo DAS sia a livello artistico che personale. Inizia una nuova avventura per il duo campano che decide di trasferirsi a Londra e respirare l’aria, le vibrazioni che tanto hanno influenzato le loro produzioni fino a quel momento.

Il processo creativo, incessante, porta ad una collaborazione con l’etichetta tedesca Lion’s Den che, in cooproduzione con 4Weed Records, rilascia l’ep ‘Rudebwoy Corporation‘ su vinile 12pollici.

In questo nuovo lavoro musicale, Dub All Sense collabora con MrWilliamz, Longfingah e MrDill Lion Warriah alla voce e con Zion Train, Jambassa e Welders HiFi ai remix.

Il singolo ‘Haffi Bun‘ feat. MrWilliamz viene scelto dal progetto GreenHouse Seed Company, ideato da Franco Loja, per la realizzazione di un videoclip. Lo storico dj inglese David Rodigan premia la traccia con più di un passaggio radiofonico su BBC Radio 1xtra.

Il drop tra il 2015 e il 2016 vedrà invece alla luce il terzo album del progetto Dub All Sense: “BRO” che segna la definitiva consacrazione, il punto di arrivo e contemporaneamente di inizio, il momento in cui abbracciare idealmente artisti che hanno ispirato il percorso musicale dei DAS, collaboratori storici della band, nuovi singers e producers.

 Backstage Press © Copyright 2013-15. All Rights Reserved

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.