BE BEAUTIFUL – Bologna incubatrice dei nuovi miti giovanili

Bologna, 25 agosto 2017_ Ritorno all’essenza di Bologna, città creativa della musica UNESCO, casa del jazz e dei biasanott, i “masticanotte”, una parola che riassume da sola il rapporto tra il ventre di questa città e la sua anima notturna e fantasiosa. Bologna, il palcoscenico su cui si è affacciata ogni generazione eleggendo da sé i propri portavoce, da Gianni Morandi a Lucio Dalla fino a Cesare Cremonini e oltre. Chi saranno i prossimi mitidei giovani?

Per scoprirlo Marco Mazzoni, brand manager di BE YOU – il diario cult acquistato da mezzo milione di studenti ogni anno – è voluto partire da qui, dalla capacità rigenerativa di una città che nasce giovane e lo resta per sempre, capace di reinventarsi eternamente per produrre nuovi suoni e nuovi linguaggi. Ha scelto Bologna per realizzare il primo grande evento che dà finalmente voce alla generazione Z. Appuntamento alla prima edizione del BEAUTIFUL Festival, il 9 settembre.

BE YOU consegna il microfono ai giovani nati negli anni 2000. Una generazione che ha molto da dire: ragazzi nativi digitali, “scafati”, già refrattari ai trucchi omologanti del marketing. Gli adulti di domani, che non si limitano a condividere formule “premasticate”, ma che vogliono creare contenuti e scrivere la propria storia. La generazione degli youtubers – non a caso tra i protagonisti dell’evento – e di BE YOU, che a settembre invaderanno Bologna per raccontare e raccontarsi attraverso l’arte e la creatività.

BEAUTIFUL FESTIVAL: IL CONCEPT

La città creativa per la musica UNESCO è un laboratorio permanente della creatività giovanile, il luogo dove prendono forma nuove forme di aggregazione. Non poteva che nascere qui il BEAUTIFUL Festival: il palcoscenico dei talenti che “fanno”, si mettono alla prova, condividono un’atmosfera elettrizzante e materializzano i sogni della propria generazione. Sul palco e intorno, tanta musica, artisti, sperimentatori, ma anche installazioni artistiche ed aree tematiche da scoprire. Lo scopo non è commerciale: BE YOU vuole radunare i ragazzi più creativi per far vivere loro un’esperienza unica insieme ai loro amici, immersi nel verde, in un luogo traboccante di “good vibrations”.

L’obiettivo di BEAUTIFUL è fare sì che i ragazzi si ispirino a vicenda, incontrandosi anche al di fuori di uno schermo o di una chat. Offrire un contesto speciale in cui nutrire l’immaginazione, sperimentare liberamente nuovi stili, linguaggi, idee. Il festival amplifica, in altre forme, il messaggio BE YOU: essere se stessi è BEAUTIFUL.

LE ORIGINI: BE YOU

Un diario dalla copertina bianca o monocolore, totalmente personalizzabile all’interno e all’esterno, che tra le mani degli studenti diventa un’opera unica e irripetibile, la fotografia delle loro passioni autentiche. Spazio a disegni, scritte, stickers, colori, forbici, colla, il trionfo del DIY (Do It Yourself). Il messaggio: tocca a te!

“La forza di BE YOU sta nel non voler imporre niente ai ragazzi” spiega Marco Mazzoni, brand manager di BE YOU. “Al contrario, abbiamo dato loro uno spazio dove potersi esprimere liberamente, e ci siamo fatti da parte”.

BE YOU (property del Gruppo Preziosi) nasce nel 2009, ma inizialmente non riesce a imporsi nelle cartolerie, circondato da prodotti sovraccarichi di colori, scritte, slogan che ammiccano alle mode giovanili. A distanza di 8 anni però la cenerentola dei diari si trasforma in un prodotto di culto per i teenager. Intorno a un diario di carta, analogico per definizione, si è creata una digital community di giovanissimi che anche attraverso i social si scambia copertine, idee, consigli, pubblica video tutorial e si racconta.

Forte di quasi mezzo milione di clienti, oggi BE YOU ha già contagiato con questo concetto tanti altri prodotti per la scuola. Il brand parte da un’idea molto precisa: dare agli studenti un mezzo per esprimere se stessi e la propria creatività. Come suggerisce il nome: BE YOUrself!

GLI ARTISTI

Sul main stage del festival si alterneranno esclusivamente i migliori talenti emergenti della musica italiana, e tra questi alcuni giovani talenti da X-Factor: Roshelle, Rudeejay, Federica Carta, Giulia Penna e altri. Il festival sarà l’occasione per sperimentare e scoprire nuovi orizzonti, unendo vari “ingredienti”. Spazio agli inni generazionali, colonne sonore di film e serie tv reinterpretate in chiave orchestrale, e agli eroi digitali del nuovo millennio, gli youtuber: partiti dal basso, emersi dall’anonimato unicamente con la forza delle loro idee, sono i miti dei loro coetanei. Saranno i protagonisti di momenti speciali, incontri con la fanbase e contenuti inediti che creeranno appositamente per il Festival.

 

© Copyright Backstage Press. All Rights Reserved

 

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.