Carlo Maver Trio e Sonata Islands 4 giugno al TrentinoInJazz 2017!

Doppio appuntamento con il TrentinoInJazz domenica 4 giugno, una combinazione alla quale sono abituati i frequentatori della rassegna trentina, che da sempre offre pomeriggi e serate diverse ma accomunate dalla qualità e dall’originalità. Il duplice evento domenicale è anche indicativo della varietà di rassegne incrociate e oggi unificate, peculiarità del “network” TrentinoInJazz. Il concerto pomeridiano inaugura Suoni d’acqua suoni di vini, percorso costruito attorno all’idea della residenza di alcuni musicisti nella Casa degli Artisti di Lagolo (TN): una serie di sei weekend di creatività a contatto con la natura alpina del lago di Lagolo porterà a cinque concerti in quota, o nelle cantine vinicole in valle, nel pomeriggio delle domeniche di giugno e settembre. Gli ensemble coinvolti fanno tutti dell’improvvisazione e della performance la propria cifra creativa, modificandosi in rapporto simbiotico con l’ambiente che ospita il live. Alle 16.00 a Pergolese di Lasino (TN) Sonata Islands Meet Classic inaugura il progetto con un programma di composizioni firmate da Emilio Galante, ispirate a figure centrali del Novecento storico come Bartok, Debussy e Stravinskij, intervallate da reinvenzioni di Chick Corea e Astor Piazzolla (che a quel Novecento si sono ispirati), in bilico fra scrittura e improvvisazione, con timbri combinati di flauto e vibrafono che richiamano naturalmente suggestioni latin jazz. Galante (flauto), Alessandro Bianchini (vibes), Stefano Bianchini (double bass) e Thomas Samonati (drums) provengono dall’ambiente accademico ma operano perlopiù in contesto jazzistico, abituati a confrontarsi con i linguaggi più disparati.

Alle 19.30 si passa a Rovereto (TN), al Circolo Operaio Santa Maria, che anche quest’anno ospita alcuni appuntamenti di TrentinoIn Jazz Club, “segmento” di TrentinoInJazz collocato a Trento, Rovereto e Riva del Garda, il cui obiettivo è vivacizzare i club cittadini con proposte inedite e non convenzionali. Ideale in tal senso è la natura del Carlo Maver Trio: Carlo Maver (bandoneon, flauto), Alberto Capelli (chitarra) e Roberto Rossi (batteria e percussioni) offrono un incontro in ipotetici “porti” della fantasia dove musicisti migranti da ogni continente condividono esperienze di vita e linguaggi musicali. Il musicista bolognese – intrigante e apprezzata figura di bandoneonista e flautista – propone un repertorio di composizioni originali influenzate dal tango, dalla musica mediterranea, dal jazz e da contaminazioni africane, reso avvincente dal dialogo tra bandoneòn, flauto e chitarra flamenca.

 

© Copyright Backstage Press. All Rights Reserved

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.