RANCORE SUL PALCO DI SANREMO AL FIANCO DI DANIELE SILVESTRI

Dal 5 al 9 febbraio, RANCORE salirà sul palco del Teatro Ariston al fianco di Daniele Silvestri per la 69esima edizione del Festival di Sanremo. In gara al festival con il brano “Argentovivo”, Daniele Silvestri sarà, infatti, accompagnato dal rapper romano e dal batterista Fabio Rondanini per un featuring spettacolare che si preannuncia unico nel suo genere.

Rancore è reduce dall’uscita del singolo e video “Giocattoli”, terzo brano estratto da “Musica per bambini”, il suo nuovo disco di inediti (Hermetic / distr. Artist First).

Nel frattempo, infatti, il rapper continua il tour indoor di “Musica per bambini” che toccherà ancora i grandi club delle principali città italiane.

Rompicapi, favole, mostri e musica per bambini torneranno in scena insieme alle rime di Rancore, che porterà con sé nuovi giocattoli sul palco, nuove storie, affiancandosi a strumenti nuovi e colorandosi di nuova luce.

Dopo il tour estivo che ha visto un totale di 16.000 spettatori in tutta la penisola, “Musica per bambini” in tour, diventa, ora, un’avventura ancora più grande, uno spettacolo tra follia e fantasia, tra confessione e protesta, che rispecchia totalmente l’immaginario del disco.

Rancore è da anni considerato uno degli artisti più interessanti del panorama del rap italiano, capace di trovare la giusta alchimia tra rime, tecnica, fantasia e significati. In questo ultimo lavoro l’artista è molto più esplicito ed assume un velo di ironia e provocazione mantenendo un alto grado di cervellotica complessità, ormai alla base del suo rap ermetico.

In questo nuovo album di inediti il rapper sembra accusare la sua fantasia di averlo portato troppo lontano in un viaggio interiore fatto di sofferenza, labirinti mentali, sogni e avventure. Una catarsi che porta l’artista a spogliarsi da alcuni sentimenti. Tra questi non manca il rancore.

In “Musica per bambini” si raccontano e si analizzano i molteplici aspetti della non comunicazione e del disagio, condizione che nasce dall’estraniarsi dalla realtà nel momento in cui non solo non si è compresi, ma non si comprendono più gli altri. Il filo rosso di questo album, inoltre, è il tema della crescita.‘’Musica per bambini’’ come ogni disco di Rancore è il viaggio di una vita, analizzata ed interpretata in più brani e da più punti di vista. Religioni e pseudo-scienze si ripercuotono come sempre nell’ “Hermetic Hip Hop”, nome che Rancore ha attribuito al suo modo di fare il rap. Ogni tema è affrontato in più sfaccettature.

Nel disco sonorità cinematografiche e parole violente si alternano a brani più ‘’delicati’’ dove Rancore raggiunge probabilmente i suoi livelli di scrittura più elevati. Ogni parola incisa nel disco ed ogni scelta musicale è firmata Rancore. Compaiono nomi nuovi tra i produttori (Jano e Meiden) oltre che produttori e musicisti con cui Rancore ha collaborato in passato (Dj Aladyn, Giancane e Fisa del Muro Del Canto, 3D e Skioffi, Marco Zangirolami).

L’ultima frase del disco è: “Non capisco mezza parola di ciò che dici”. Il senso è che Rancore si sente alieno rispetto al mondo e vorrebbe comunicare ma è esattamente come se parlasse un’altra lingua, dunque non riesce, come se fosse risucchiato dal suo stesso ermetismo.

Ogni barra viaggia sul filo del rasoio, sembra fatta apposta per essere ascoltata non solo una volta, ma infinite volte. Rancore non ha paura e come sempre i suoi dischi aprono il campo a molte domande. Come, per esempio, perché il titolo “Musica per bambini’’? E’ solo il momento particolare che sta vivendo? Oppure questo momento si è trasformato in una provocazione fatta di musica?

© Copyright Backstage Press. All Rights Reserved

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.