Ho tutto tranne te

“Ho tutto tranne te”, il tuo nuovo singolo. Cominciamo proprio da qui, ci parli di questo nuovo brano?

ph: Tiziana Orru

Se penso che questo brano “Ho tutto tranne te” non era nei miei programmi e che mi sta dando tanto mi vengono i brividi, vuol dire che la musica non è finita, come dicono, ha solo bisogno di maggiore spontaneità perché il pubblico è attento e sente se qualcosa è vera. Questo brano è nato da mille riflessioni e immagini che mi passavano davanti agli occhi ogni giorno dove, in quel tempo che io definisco “sospeso”, ha fatto riemergere in ognuno di noi l’importanza dell’altro. Siamo niente senza l’altro, senza l’amore e il rispetto per chi vive intorno a noi. Questo ha fatto scattare in me la voglia di valorizzare la solidarietà, un tema spesso toccato con leggerezza.

Armonia e malinconia, qual è il segreto per trovare il giusto equilibrio tra i due stati d’animo?

In ogni cosa la via di mezzo è quella che funziona sempre ma non è sempre così perché ognuno di noi, io la prima, sono una che esce fuori dagli schemi. Il giusto equilibrio non esiste, esiste il giusto cocktail per vivere anche tanti stati d’animo insieme, l’importante è ascoltarsi e vivere.

Oggi spesso nella vita ci affanniamo alla ricerca di chissà cosa, quella smania di avere tutto e poi ci si accorge che nonostante tutto manca qualcosa.

Esattamente quello che voglio far arrivare nel brano: possiamo avere tutto una casa bellissima, una moto da urlo, tanti soldi ma se poi manca la condivisione, l’amore, il rispetto e i quei valori umani che tutti conosciamo ci logora quel senso di solitudine che fa sembrare che manca sempre qualcosa.

Il video del brano è girato a Milano e sottolinea l’aspetto del volontariato. Ecco magari quel qualcosa di cui si parlava prima, può essere ottenuto nel fare qualcosa per gli altri?

Io sono una persona molto altruista e sento che fare del bene mi fa stare bene. È un po’ come una ricarica dell’anima e secondo me chi fa volontariato, ne è l’esempio. Ho voluto valorizzare, nel video di “Ho tutto tranne te”, l’impegno sociale di cui Mario Furlan e i City Angels sono portavoce: un aiuto concreto e sincero ai più deboli come i “senza tetto” e non solo. Io adoro questi Angeli della città che seguo da anni come testimonial e sono orgogliosa di poterli nominare con la mia musica così da voler, insieme a loro, evidenziare l’importanza di un tema che non va trascurato mai: la solidarietà.

Stiamo vivendo un periodo molto particolare che ha modificato inevitabilmente il nostro modo di vivere. Tu come hai vissuto e come stai vivendo questo periodo?

All’inizio non capivo cosa stesse accadendo. Come tutti mi rendevo conto che qualcosa di tremendamente surreale stava succedendo, poi ho cominciato a razionalizzare e a riflettere. La quarantena l’ho vissuta a Firenze. Mi trovavo lì perché stavo lavorando sul mio nuovo progetto e alla fine sono rimasta bloccata, come molti, in una città che non era casa mia. Per fortuna ero in compagnia dei miei due zii, che mi hanno fatto stare bene. Adesso sono rientrata a Milano e voglio essere positiva sperando che tutto questo possa aver fatto riflettere davvero, partendo da un cambiamento interiore che dobbiamo fare tutti.

Nel video ti si vede molto grintosa e piena di energia. E’ un modo per dire di non arrendersi mai?

Assolutamente si, è proprio questo il mio modo di essere e si rispecchia anche nelle mie canzoni.

Il 5 luglio hai preso parte ad un evento al castello sforzesco di Milano, com’è stato tornare a suonare dal vivo dopo questa pausa forzata? Hai altri live in programma?

Mi sono sentita un’artista fortunata a salire su quel palco il 5 luglio, poi in un luogo speciale come Il Castello Sforzesco di una città meravigliosa, che ha bisogno di tornare alla normalità. Dopo il messaggio forte fatto da tutti gli artisti e dagli addetti ai lavori sul silenzio della musica, io credo che ora sia arrivato il momento di reagire, per quel che si può, senza abbattersi per ricominciare da qui. Seguitemi sui social così potrò aggiornarvi sulle mie prossime date live.

Gabriella Sandrelli © Copyright Backstage Press. All Rights Reserved

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.