Dorelan per la mostra “Art Déco. Gli anni ruggenti in Italia”

Forlì, 8 febbraio 2017_ Gli anni Venti in scena a Forlì: si intitola “Art Déco. Gli anni ruggenti in Italia” l’esposizione che dall’11 febbraio al 18 giugno racconterà al pubblico un’epoca in cui il nostro Paese, sull’onda di quanto avveniva nel resto d’Europa, elaborava particolari codici estetici che avrebbero contribuito anche alla nascita del “Made in Italy”.
Dorelan, azienda leader del  “Bed in Italy”, che ha le proprie radici nel territorio di Forlì, è Gold partner dell’esposizione ai Musei San Domenico. Una collaborazione significativa: da circa 50 anni l’azienda investe in innovazione, ricerca e design, tre principi che hanno fortemente ispirato lo stile e il gusto dei Roaring Twenties. Così ancora oggi il mondo degli oggetti di arredamento “fa” cultura e promuove l’arte.
“Art Déco. Gli anni ruggenti in Italia” esplora l’affermazione di un linguaggio artistico (e non solo) italiano e internazionale, illuminando le tappe di una stagione affascinante e dalle forti contraddizioni, stretta tra la voglia di rinascita e leggerezza mondana – dopo la Prima Guerra Mondiale – e i totalitarismi che si affermarono in quegli anni. L’Art Deco è stata il canto del cigno di una società in fermento, ma ha saputo influenzare fortemente tutti i decenni successivi, e sta vivendo attualmente una fase di riscoperta.
Obiettivo dell’esposizione è evidenziare il livello qualitativo e l’originalità delle arti decorative moderne, e l’importanza crescente che hanno assunto in relazione alle arti figurative, con cui si è sviluppato un rapporto sempre più serrato.
L’Art Déco come “arte di vivere” non poteva non influenzare lo stile in ogni ambito dell’ingegno umano: dagli arredi alla moda, dalle automobili ai manifesti pubblicitari, dal cinema alla musica. L’esposizione racconta attraverso documenti e testimonianze l’atmosfera frizzante degli anni del jazz e dei divi come Rodolfo Valentino, Greta Garbo e Marlene Dietrich, icone di un’epoca al tempo stesso tragicamente fatua e spensieratamente consapevole, come ne Il Grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald.
 

© Copyright Backstage Press. All Rights Reserved

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.