L’odore del mare l’omaggio dell’Ischia Film Festival a Procida Capitale della Cultura 2022

L’ex carcere di Terra Murata sull’isola di Procida grazie ai suoi panorami è stato set cinematografico di moltissimi film. Il documentario “L’odore del mare” di Michelangelo Messina, direttore artistico dell’Ischia Film Festival, attraverso il penitenziario più antico del golfo di Napoli racconta un pezzo di storia dell’isola.

La proiezione è preceduta dall’incontro tra Michelangelo Messina e Dino Ambrosino sindaco di Procida.

«Un documentario realizzato inconsapevolmente. – dichiara Messina – “Ero lì per dei sopralluoghi ed ho avuto la fortuna di entrare all’interno del carcere borbonico. Ho raccolto immagini per memoria personale ed ho capito subito che quelle erano mura che parlano. Fortuna ha voluto – racconta Michelangelo Messina – che incontrassi il Dott. Giacomo Retaggio, ex medico del carcere. Attraverso i suoi ricordi, possiamo conoscere la storia della prigione. Il film si chiama così perché i detenuti non avevano il privilegio di vedere il mare, ma potevano sentirne solo l’odore”.

“Un documentario realizzato inconsapevolmente”, conclude il direttore dell’Ischia Film Festival.

L’amministrazione procidana è impegnata nell’opera di recupero e riqualificazione della struttura; il direttore artistico ha chiamato sul palco il sindaco di Procida Dino Ambrosino.

Stiamo cercando di recuperare questo imponente edificio che chiamiamo carcere, ma che in realtà ha vissuto più vite –  aggiunge Dino Ambrosino, sindaco di Procida – È nato come luogo di gioia e amenità, per poi essere destinato a carcere; un carcere abbastanza all’avanguardia, tra l’altro, poiché i detenuti lavoravano e producevano prodotti per le persone dell’isola, lasciando in un certo qual modo intatto il legame con l’isola. Quello che vorremmo fare adesso è rendere la struttura luogo di cultura. Desideriamo per lei un futuro; è posta al centro del Golfo di Napoli ed è fortemente attrattiva per questo. Ci sono finanziamenti provenienti dal PNRR. – ha detto in chiusura – Hanno uno scopo è importante: promuovere la cultura affinché diventi anche leva economica.

Gabriella Sandrelli © copyright Backstage Press. All Rights Reserved

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.